martedì 26 giugno 2012

Pausa.

Pausa.
Nella mia testa, un vortice di pensieri.

Ho voglia di urlare,
di gridare al mondo.
Ma c'è solo un violento eco
che rimbomba ovunque
dentro di me.

Vorrei assordare la mia mente.
Vorrei accecare la mia rabbia.
Vorrei riscrivere la mia vita.

Ho bisogno di certezze. Sento il nulla sotto ai piedi.
Non ho pilastri, non ho sostegni.
Ho solo i miei polmoni per respirare in questo
vuoto.

Voglio una mano a cui aggrapparmi.
Voglio degli occhi in cui trovarmi.
Voglio labbra a cui abbandonarmi.

Voglio conservare dolci parole in me.
E' questo l'eco che voglio nel cuore,
prima di addormentarmi.

Datemi l'eco che voglio.

Nessun commento:

Posta un commento